Più sicurezza sulla “Cantonale 31” nel Piano di Magadino

Un punto pericoloso della ciclopista Cantonale n. 31 Bellinzona-Cavergno, sul tratto che collega Giubiasco a Tenero, è il passaggio del fiume Ticino all’altezza di Gudo, in particolare l’attraversamento del cosiddetto “Stradonino” da ambo i lati. Il passaggio era reso ancora più complicato sul lato in direzione di Locarno da un triangolo di terreno sull’imbocco di accesso al ponte sul fiume, da autovetture che utilizzavano l’area come posteggio impedendo ai ciclisti la visuale sul traffico. Una situazione estremamente pericolosa segnalata anche da PRO VELO Ticino, che a suo tempo aveva proposto la posa di ostacoli (massi) per evitare l’occupazione del terreno come posteggio. Il problema è stato finalmente risolto dal Cantone (responsabile della ciclopista), che con soddisfazione dell’associazione ha delimitato l’area con una palizzata impedendone l’uso come posteggio. Rammentiamo che in un prossimo futuro è prevista la realizzazione di una passerella ciclopedonale per l’attraversamento del fiume Ticino, ciò che eliminerà completamente la pericolosità di questo tratto della ciclopista del piano.