È partita la decima edizione di “bike to work”!

Anche quest’anno il mese di giugno è targato, da Ginevra a Romanshorn, “bike to work“ (al lavoro in bici). Da ieri 1° giugno numerosi pendolari delle due ruote hanno inforcato la bicicletta. Durante il mese estivo di giugno i partecipanti all’iniziativa percorrono il tragitto casa-lavoro in bicicletta e si assicurano la partecipazione all’estrazione di premi per un valore complessivo di oltre CHF 100’000.-.

Anche dopo 10 anni il progetto “bike to work“ non ha perso il proprio smalto. Al contrario – probabilmente quest’anno si registrerà un nuovo record di adesioni. Il successo di “bike to work“ si basa da un lato sulla possibilità, semplice e a prezzi modici, di favorire la salute dei propri collaboratori in azienda. Dall’altro le ditte che vi aderiscono lanciano un chiaro segnale a favore dell’ambiente e si impegnano per la riduzione delle emissioni di CO2 e il decongestionamento delle strade.

“bike to work” mantiene in forma

La Posta Svizzera sostiene il progetto fin dalla sua prima edizione. Markus Zuberbühler, responsabile della gestione della salute, è convinto del successo di “bike to work“: «Chi fa movimento, si mantiene in salute e resta efficiente. Per numerosi nostri collaboratori “bike to work“ è stata la molla che li ha convinti a praticare quotidianamente più moto.» L’Ufficio federale della sanità pubblica lo conferma: è dimostrato che chi giornalmente fa movimento per almeno mezzora, migliora la propria salute e la propria produttività.

Una forma consolidata di promozione della salute

Il ventaglio delle ditte partecipanti a “bike to work“ è interessante. Da un lato vi aderiscono i grandi gruppi come Roche, Migros, UBS o ABB, dall’altro si registra la nutrita partecipazione dell’Amministrazione pubblica. Numerose amministrazioni federali, cantonali e comunali incoraggiano i propri collaboratori a prendere parte all‘azione. Sono della partita anche le Nazioni Unite e il CERN di Ginevra. Praticamente anche ogni medio-grande ospedale svizzero partecipa all’edizione di quest‘anno. La maggioranza delle aziende partecipanti è comunque composta dalle PMI – imprese di pittura, panetterie, studi di fisioterapia, agenzie di comunicazione, falegnamerie, farmacie e molti altri ancora. Fra i partecipanti anche alcuni nomi di spicco come lo Schauspielhaus di Zurigo, la Fondazione Kofi Annan o il Monastero di Ilanz con le sue suore.

Appetibili premi accrescono la motivazione

L’edizione 2014 di “bike to work“ si chiude il 10 luglio con l’estrazione dei premi per le squadre e dei premi individuali per un valore complessivo di oltre CHF 100‘000.-.

Le aziende interessate possono ancora iscriversi entro breve sul sito www.biketowork.ch e partecipare all‘azione. “bike to work“ è pure presente nel Social Web in www.facebook.com/biketowork.ch e #biketowork

Lascia un commento