PRO VELO Ticino, contraria a un divieto dell’uso della bici sul lungolago di Minusio, propone soluzioni sicure per ciclisti e pedoni affidandosi anche al buon senso
Bellinzona, 29.03.2014.

Comunicato stampa

PRO VELO Ticino è sorpresa della proposta del gruppo “Uniti per Minusio” di introdurre una pedonalizzazione con divieto per le biciclette (anche solo parziale) del lungolago di Minusio.

Con la proibizione del transito, i ciclisti sarebbero costretti ad utilizzare via Simen, uno dei tratti ciclabili più pericolosi del Cantone, visto che l'incrocio degli autoveicoli è possibile solo invadendo le corsie ciclabili (marcate solo con una linea tratteggiata. Considerato che la velocità massima consentita è ancora di 50 km/h, ogni invasione della corsia ciclabile mette a repentaglio l’incolumità dei ciclisti.

La messa in sicurezza di Via Simen è prevista nel piano di agglomerato del Locarnese). Nelle schede finali del progetto non è però ancora stata scelta la tipologia definitiva dell’intervento. Nella sua presa di posizione, PRO VELO Ticino aveva chiaramente indicato che, a prescindere dalla probabile introduzione della limitazione della velocità a 30 km/h, solo una variante con corsia ciclabile continua per direzione di marcia e senso unico per gli autoveicoli avrebbe dovuto essere considerata come una valida messa in sicurezza (tipologia 2 nella scheda INF13 del PaLOC).

Fintanto che l’intervento di messa in sicurezza di Via Simen non sarà ultimato come suggerito, PRO VELO Ticino si oppone a ulteriori limitazioni dell’uso della bicicletta sul lungo lago di Minusio (sulla segnaletica è già presente una velocità massima di 5 km/h). Auspica eventualmente una chiara distinzione dell'uso ciclistico da quello pedonale, laddove la larghezza della strada lo permette, e zone d'incontro con specifica demarcazione nei tratti sensibili (più stretti), facendo affidamento al buon senso di ciclisti e pedoni.

La posizione di PRO VELO Ticino è condivisa anche dalla Mountain Bike Expedition, club di mountain bike del Locarnese, che ha sede a Minusio.

Per ulteriori informazioni: Matteo Buzzi, membro di comitato, 079 581 84 96 Claudio Sabbadini, presidente, 076 679 73 10

Lascia un commento